Palazzo Antonini-Belgrado

Provincia di Udine
Palazzo Antonini-Belgrado
Piazza Patriarcato 3
33100 Udine

Centralino
0432 2791

Fax
0432 279310

Uff. Relazioni con il Pubblico
0432 279440

Posta elettronica certificata

il cercapersone.
Siti tematici.
 

Centri estivi 

Premessa: 

Ai sensi della L.R. n. 10 del 09.03.1988, art. 33, co. 2, come modificato dall’art. 10, co. 2 della L.R. n. 8 del 09.03.2001 l’Amministrazione Regionale interviene attraverso le Province per sostenere le attività educative/ricreative denominate “Centri Vacanza”.Con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 21 del 26.04.2010 sono stati approvati nuovi criteri, modalità e termini per la concessione dei contributi.

Definizione:

Si definiscono Centri Vacanza le strutture o le aree appositamente attrezzate per offrire attività educative/ricreative volte ad organizzare il tempo libero dei bambini/bambine e dei ragazzi/e.

Beneficiari:

Organismi pubblici e privati senza scopo di lucro che gestiscono direttamente, i “Centri Vacanza”.

Caratteristiche:

Attivazione per un periodo limitato nel corso dell’anno.
Si distinguono in centri vacanza con pernottamento e centri vacanza diurni:

Centri vacanza con pernottamento:
rivolti a minori di età compresa tra i 6 e i 17 anni

Centri vacanza diurni:
rivolti ai minori di età compresa tra i 3 e i 17 anni.
(Centri aperti anche ai minori di età inferiore ai tre anni se svolti secondo determinati standard qualitativi ed organizzativi).

Requisiti di ammissibilità: 

I centri vacanza devono prevedere un numero minimo di partecipanti rapportato al numero dei residenti nel territorio di ciascun comune della provincia come di seguito riportato:
n. 20 minori per i comuni fino a 2.000 residenti
n. 30 minori per i comuni da 2.001 a 5.000 residenti
n. 60 minori per i comuni da 5.001 a 10.000 residenti
n. 100 minori per i comuni da 10.001 a 50.000 residenti
n. 150 minori per i comuni oltre 50.000 residenti
I centri vacanza devono essere svolti nell’ambito del territorio provinciale.
Per i centri vacanza a carattere diurno, deve essere prevista una durata media di cinque ore giornaliere (non viene considerata la pre-accoglienza e la post-accoglienza) e di dieci giorni di attività.
Per i centri vacanza che prevedono il pernottamento, deve essere prevista una durata non inferiore a sei giorni consecutivi.
I gestori dei centri vacanza devono inviare al Comune interessato la dichiarazione di inizio attività (L.R. n. 13/2009, art. 23).
I richiedenti il contributo dovranno provvedere a far pervenire all’Ufficio Politiche Sociali della Provincia di Udine, copia della dichiarazione di inizio attività inviata al Comune interessato corredata da fotocopia della raccomandata se inviata via posta, oppure copia della suddetta con il timbro di accettazione dal parte del Comune se recapitata a mano o risposta del Comune stesso.

Domanda:

La domanda, soggetta ad imposta di bollo (esclusi i soggetti esenti per legge), deve essere presentata, sottoscritta dal legale rappresentante dal 1° gennaio al 31 maggio di ogni anno secondo il modello allegato, (per un massimo di due domande l’anno relative a programmi diversi) corredata da:
- preventivo analitico di spesa (indicare solo spese di parte corrente, quindi non di investimento, assunte nell’anno di riferimento) e relative esclusivamente al centro vacanza;
- preventivo analitico delle eventuali entrate (esclusa quella per cui si fa domanda);
- programma delle attività con cui si intende avviare l’iniziativa;
- copia della dichiarazione di inizio attività inviata al Comune interessato corredata da fotocopia della raccomandata se inviata via posta o copia della suddetta dichiarazione riportante il timbro del Comune se recapitata a mano o risposta del Comune stesso; oppure, qualora l’ente gestore sia il Comune stesso, dichiarazione sostitutiva circa l’esistenza dei requisiti di cui al succitato Regolamento regionale (mod. A);
- copia dello Statuto e dell’Atto Costitutivo (solo per le Associazioni o Enti), se non già in possesso di questa Amministrazione e non più modificati;
- dichiarazione sostitutiva fiscale (mod. C);
- richiesta di modalità agevolata dei pagamenti (art. 185 del D.Lgs. n. 267/2000) – (mod. B);
- copia del documento di attribuzione del Codice Fiscale e/o partita IVA dell’Ente/Associazione;
- copia fotostatica del documento di identità del legale rappresentante.

Rendicontazione:

 Da effettuarsi entro il 15 del mese di ottobre dell’anno di competenza.

 Documenti

DPR 190 - 2001.docDPR 190 - 2001Regolamento dei centri di vacanza per minori di cui all'art. 7, comma 2 della L.R. 10 del 09.03.1988
MODULO DOMANDA CONTRIBUTO CENTRI ESTIVI.docMODULO DOMANDA CONTRIBUTO CENTRI ESTIVIMODULO DOMANDA CONTRIBUTO CENTRI ESTIVI
MODULO RENDICONTO.docMODULO RENDICONTOMODULO RENDICONTO
Pagina aggiornata il: 20/08/2012 8.51 

A cura della Redazione Web -Nota informativa | C.F. 00400130308