Amministrazione trasparente

In attuazione della legge 190/2012, contenente norme per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione, è stato emanato e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5 aprile 2013, il D.Lgs 33/2013 sulla trasparenza ("Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni"), poi modificato dal D.Lgs. 97/2016.  
La finalità del presente decreto è la "total disclosure", ossia, l' accessibilità totale su ogni aspetto dell’organizzazione e dell’attività amministrativa, dal perseguimento delle funzioni istituzionali all’utilizzo delle risorse pubbliche, traendo ispirazione dal modello statunitense del Freedom of Information Act.

Questa macrosezione del sito istituzionale della Provincia di Udine raccoglie le informazioni di cui è prevista la pubblicazione, secondo lo schema indicato indicato dall'Autorità Nazionale Anti Corruzione nelle "Prime linee guida recanti indicazioni sull'attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel D. Lgs. 33/2013 come modificato del D.Lgs 97/2016" (Delibera ANAC 1310/2016).

Il principio della trasparenza, definita ai sensi dell'art. 1 del D.Lgs. 33/2013 come accessibilità totale dei dati e documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, allo scopo di tutelare i diritti dei cittadini, promuovere la partecipazione degli interessati all'attivita' amministrativa e favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche, viene posto a garanzia delle libertà individuali e collettive, nonché dei diritti civili, politici e sociali, e concorre alla realizzazione di un'amministrazione aperta, al servizio del cittadino.

Limiti al "riutilizzo" di dati personali (art. 7 del d. lgs. n. 33/2013)

Si informa che i dati personali pubblicati nella Sezione Amministrazione trasparente, sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dei dati pubblici (direttiva comunitaria 2003/98/CE e d. lgs. 36/2006 di recepimento della stessa), in termini compatibili con gli scopi per i quali sono stati raccolti e registrati, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, senza ulteriori restrizioni diverse dall'obbligo di citare la fonte e di rispettarne l'integrità.

Accesso civico

Tra le norme di maggiore innovazione il decreto ha introdotto il cosidetto diritto di "accesso civico": a fronte dell'obbligo in capo alle pubbliche amministrazioni di pubblicare documenti, informazioni o dati, viene  riconosciuto il corrispondente diritto di chiunque di richiedere i medesimi, nei casi in cui sia stata omessa la pubblicazione.
Tale diritto può essere esercitato senza che sia necessario dimostrare un interesse personale nè esporre un motivazione specifica ed in modo gratuito. Esso deve essere soddisfatto mediante la fornitura delle informazioni richieste ed attraverso la loro pubblicazione sul sito internet.
In questo modo si permette a ogni cittadino di conoscere le attività della Pubblica Amministrazione e viene anche sollecitata e agevolata la partecipazione e il coinvolgimento della collettività in quello che è il buon andamento dei servizi pubblici e della gestione delle risorse.


Per richieste, suggerimenti e reclami sui contenuti di questa sezione del sito scrivi al Responsabile della trasparenza 

Hai constatato che in questo sito non sono presenti informazioni e dati obbligatori che vuoi conoscere?

Puoi esercitare il diritto di accesso civico previsto dall’art. 5 del decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33. Per farlo scrivi al Responsabile unico della prevenzione della corruzione e della trasparenza della Provincia di Udine, utilizzando il modulo appositamente predisposto.


 

Pagina aggiornata il 13.02.2017