Venti anni di scambi tra l’Isis Stringher e la scuola professionale di Immenstadt in Baviera

Studenti in visita a palazzo Belgrado

Vent’anni di scambi tra l’Isis Stringher di Udine e la scuola professionale della città di Immenstadt in Algovia, zona a sud della Baviera.
Con il gruppo di allievi provenienti dalla Germania, ospiti in queste settimane dell’istituto cittadino, lo Stringher accresce ulteriormente l’esperienza degli interscambi culturali finalizzati a implementare le competenze professionali (nello specifico caso relative al settore alberghiero), ma anche le conoscenze linguistiche degli studenti.
Accompagnati dalla docente Tiziano Ellero e dal professor Fleschutz Georg, gli allievi della Baviera sono stati accolti oggi a palazzo Belgrado dal presidente della Provincia di Udine, Pietro Fontanini e hanno appreso alcune delle tappe più significative della storia del Friuli e i simboli dell’identità friulana (lingua e stemma). Tra gli elementi di contatto tra le due regioni, il presidente ha ricordato la provenienza di molti patriarchi proprio dalla Baviera, che è stata meta di emigrazione per molti friulani tra il 1800 e la prima metà del 1900 occupati come operai nelle fornaci. L’incontro in Provincia è incluso nel programma dello scambio che vede i ragazzi inseriti all’interno di alcune prestigiose strutture ricettivo-alberghiere di Udine e dell’hinterland (cui va il ringraziamento della scuola) dove, lavorando fianco a fianco con i professionisti del settore, acquisiscono nozioni tecniche, apprezzano le eccellenze dell’enogastronomia locale e possono migliorare la conoscenza della lingua. Stessa modalità anche per il tirocinio che gli studenti dello Stringher svolgono da 20 anni in Baviera.
“Gli scambi con la Germania – ha affermato la docente Ellero – offrono l’opportunità al nostro istituto di sperimentare il “modello duale” nell’organizzazione della formazione professionale cui sta guardando anche l’Italia per i buoni risultati prodotti dal punto di vista occupazionale. Un modello in cui le aziende sono in prima linea: assumono i ragazzi accogliendoli per il tirocinio al quale affiancano la formazione in classe, a scuola. Un’organizzazione che stiamo conoscendo sempre più da vicino sotto la preziosa guida e il coordinamento della dirigente scolastica Anna Maria Zilli, che ritiene questi scambi e la rete di collaborazione con le scuole straniere uno dei punti di forza dell’istituto tecnico-turistico e alberghiero”. 

Pagina aggiornata il 15.05.2017